Indice del forum

Un forum, due lingue.

Un forum per accogliere sordi e udenti interessati al mondo dei sordi e alla sordità.

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

[CRONACA] Disegno Di Legge sulla LIS!
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> L.I.S.: Lingua Italiana dei Segni
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Tiziana.Pozzetti

Admin


staff


Età: 34
Registrato: 02/09/07 15:53
Messaggi: 543
Tiziana.Pozzetti is offline 


Interessi: Neuropsicologia dell'adulto e del bambino. Disturbi dell'apprendimento in età evolutiva: del linguaggio, della lettura e dell'attenzione.
Impiego: Laureanda in psicologia, indirizzo "neuropsicologia dell'età evolutiva"


MessaggioInviato: Gio Nov 22, 2007 5:09 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Franky ha scritto:
Tiziana.Pozzetti ha scritto:
La seconda domanda non l'ho capita bene...

Mi spiego meglio... se ho inteso bene quello che tu intendi con SOV dove V sta per verbo inteso così come è e quindi ad esempio:

Tiziana mela mangiare (scritto: tiziana mangia la mela)

il segnante riesce a comprendere

Tiziana mela fu mangiata ?? (scritto: la mela fu mangiata da tiziana)

Ciao


esatto, penso che il problema nella lettura, per chi segna, sia proprio di questo tipo! penso che sia per questo che vogliono la LIS scritta!
Quando un segnante "segna" utilizza determinati segni per esprimere il futuro e il passato, altri tempi verbali vengono espressi con l'espressione del volto (tipo il condizionale) ecc. Per lo scritto non ho proprio idea di come potrebbero esprimere tutte queste sottigliezze! Però il disegno di legge dice proprio "uso della lis nei documenti amministrativi", penso che avranno pensato a qualcosa... forse Katia lo sà, anche se queso DDL penso sia una cosa abbastanza nuova per tutti, no? Mah, staremo a vedere Rolling Eyes
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Adv



MessaggioInviato: Gio Nov 22, 2007 5:09 pm    Oggetto: Adv



Torna in cima
Franky

Staff


staff


Età: 44
Registrato: 15/09/07 14:21
Messaggi: 384
Franky is offline 






MessaggioInviato: Gio Nov 22, 2007 6:17 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ecco vedi che un piccolo intoppo forse c'e'...

Tiziana.Pozzetti ha scritto:
.. forse Katia lo sà,


Miss Katia...se ci sei e lo sai...illuminaci !!! Wink
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
KappaHH







Età: 18
Registrato: 03/09/07 17:05
Messaggi: 353
KappaHH is offline 

Località: Padova
Interessi: sport, letteratura, fotografia, internet, teologia, video-montaggio
Impiego: impiegata
Sito web: http://www.myspace.com...

MessaggioInviato: Gio Nov 22, 2007 11:32 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

fate attenzione che questa non è una lezione perciò gli approfondimenti
che consiglio vivamente, per chi ha dei dubbi sulla struttura della LiS è di PARTECIPARE ad un corso base su una qualsiasi Lingua dei Segni (visto che la struttura SOV è identica a tutte le altre Lingue dei Segni esistenti nella Terra banana ).
internazionalmente parlando, le persone sorde che con orgoglio sbandierano la propria Cultura e Lingua non conoscono l'orgoglio dei nazionalisti! al limite moltissimi amano la propria Patria. il mondo, visto da noi non-udenti, è giusto un paese perchè viaggiare incontrando nuova gente è la nostra vita.
ora torno al motivo per cui sono qui, facendovi degli semplici esempi relativi al VERBO:
...tempo presente dalla vostra frase
Tiziana mangia la mela = Tiziana mela MANGIARE (ORA)
...tempo passato
La mela fu mangiata da Tiziana = Tiziana mela MANGIARE FATTO
...tempo futuro
Tiziana mangerà la mela = Tiziana mela MANGIARE DOPO

Quanto alla proposta per la deliberazione sulla Lingua dei Segni Italiana e il suo uso nei documenti amministrativi, spiego, si intende semplicemente che le frasi devono essere ridotte ai minimi termini, praticamente "messe a nudo" (senza il dinamico gioco delle parole o l'ambiguità di una certa frase o l'utilizzo della retorica piacevolmente dichiarata, ecc..)
Per me l'italiano è troppo bello, è vitale per l'Italia anche se oramai non è così necessario per le persone di umile intelletto (osserviamo, ad esempio gli stranieri sul territorio italiano, come moltissimi se la cavano alla grande facendo soldini a palate basito senza una minima competenza nella lingua italiana).

_________________
COPIONE ! SEI RECIDIVO MALEDETTAMENTE .
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Tiziana.Pozzetti

Admin


staff


Età: 34
Registrato: 02/09/07 15:53
Messaggi: 543
Tiziana.Pozzetti is offline 


Interessi: Neuropsicologia dell'adulto e del bambino. Disturbi dell'apprendimento in età evolutiva: del linguaggio, della lettura e dell'attenzione.
Impiego: Laureanda in psicologia, indirizzo "neuropsicologia dell'età evolutiva"


MessaggioInviato: Ven Nov 23, 2007 12:07 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

KappaHH ha scritto:

La mela fu mangiata da Tiziana = Tiziana mela MANGIARE FATTO


ma che scema!!! E' vero! l'ho scritto 100 volte il tempo passato! avevo presente nella tesata il segno ma non l'ho ricollegato alla parola (fatto). Devo ricominciare un corso di LIS al più presto mi sà! Qui la memoria inizia già a far cilecca Mr. Green
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
labionda







Età: 46
Registrato: 01/10/07 18:36
Messaggi: 50
labionda is offline 






MessaggioInviato: Ven Nov 23, 2007 1:58 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Tiziana.Pozzetti ha scritto:
no, io vorrei che chi decide di imparare la LIS non venga accusato o offeso da chi decide di intraprendere altre strade.
Cara Tiziana, ti posso assicurare che io rispetto le scelte diverse dalla mia, tant'è che, se Davide vorrà imparare la lis in futuro, certo non glielo impedirò
Tiziana.Pozzetti ha scritto:
Scusa Michela ma io non ti ho mai dato torto nella tua scelta
è verissimo, non l'hai fatto. Però, scusami, io ho letto in vari interventi un "non-rispetto" verso chi sceglie l'oralismo.
Tiziana.Pozzetti ha scritto:
questo non toglie che in questo forum si debbano rispettare le scelte di tutti, la tua, che decidi di dare a davide la parola come quella di chi, come Katia, spesso decide di fare a meno della protesi perchè si trova meglio così e ancora quelle di chi decide semplicemente che preferisce la lis..
Sono d'accordissimo; rispetto per chi la pensa in modo diverso,
Citazione:
Se vuoi sapere il mio parere o quello che farei chiedimelo.
Tu cosa faresti nel mio caso?
Tiziana.Pozzetti ha scritto:
Se invece vuoi dire che l'unica strada giusta è l'impianto, .
Non l'ho mai detto. Nel MIO caso è stata l'unica via per far sentire Davide. Non giudico scelte altrui, ma difendo le mie
Tiziana.Pozzetti ha scritto:
Vuoi pensare che tutti la pensano come te?
La pensi così? Obiettivamente ti sembra di essere stata "imparziale" nei tuoi giudizi finora, oppure hai un pò osannato (passami il termine infelice) la lis a scapito dell'otralismo? Scusami ma il tuo intervento sulla lingua italiana mi è sembrato un pò esagerato.........
Citazione:
pretendo che ciascuno abbia rispetto per le idee degli altri. Anche se non le condivide.
La penso come te, anche se la mia non è una "pretesa" ma semplicemente una speranza. Non mi chiudo a chi non lo fa ma semplicemente rispondo.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Tiziana.Pozzetti

Admin


staff


Età: 34
Registrato: 02/09/07 15:53
Messaggi: 543
Tiziana.Pozzetti is offline 


Interessi: Neuropsicologia dell'adulto e del bambino. Disturbi dell'apprendimento in età evolutiva: del linguaggio, della lettura e dell'attenzione.
Impiego: Laureanda in psicologia, indirizzo "neuropsicologia dell'età evolutiva"


MessaggioInviato: Ven Nov 23, 2007 2:15 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Michi, sono contenta del tuo intervento pacato! :)
cerco di risponderti:

labionda ha scritto:
Però, scusami, io ho letto in vari interventi un "non-rispetto" verso chi sceglie l'oralismo.

io non penso di non aver rispettato gli oralisti. Se così lo hai percepito me ne scuso.
Ti pregherei cmq di farmi degli esempi concreti così forse potrei spiegarti, perchè è evidente che c'è stato un malinteso in quanto io rispetto entrambe le parti,e non avrei motivo di fare diversamente. :)



Citazione:
La pensi così? Obiettivamente ti sembra di essere stata "imparziale" nei tuoi giudizi finora, oppure hai un pò osannato (passami il termine infelice) la lis a scapito dell'otralismo?

non l'ho assolutamente osannata! Ho letto cose non vere a riguardo e sono intervenuta dicendo quel che sò, se sò una cosa e vedo che viene detto tutti il contrario stravolgendo il significato di alcune cose, bè io intervengo facendo presente che le cose non stanno proprio così.
Per il resto fammi notare dove avrei "osannato" la LIS perchè giuro che a me proprio non sembra. Anzi, mi pare fin ora di aver portato solo dei dati di fatti. E non il mio parere a riguardo. Ho solo detto quello che sò sui sordi che usano la LIS e la considerano la loro madrelingua, quello che sò grazie a corsi e/o conoscenze e a quel che ho studiato e stò studiando di questo mondo.


Per quanto riguarda come la penso io, ho risposto a Miki qui, lì c'è anche il mio pensiero:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Tiziana.Pozzetti

Admin


staff


Età: 34
Registrato: 02/09/07 15:53
Messaggi: 543
Tiziana.Pozzetti is offline 


Interessi: Neuropsicologia dell'adulto e del bambino. Disturbi dell'apprendimento in età evolutiva: del linguaggio, della lettura e dell'attenzione.
Impiego: Laureanda in psicologia, indirizzo "neuropsicologia dell'età evolutiva"


MessaggioInviato: Ven Nov 23, 2007 2:38 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

labionda ha scritto:
se Davide vorrà imparare la lis in futuro, certo non glielo impedirò


non prendertela ma quello che penso io a riguardo è che, così facendo infondo glielo stai già impedendo. E' come se non lo mandassi dal logopedista o non gli prendessi una protesi perchè "tanto se in futuro vorrà se la prenderà lui".
In futuro purtroppo è troppo tardi.
Alla fine ciò che conta è ciò con cui viene in contatto nei primi mesi di vita, quindi se davvero vuoi lasciargli aperte tutte le strade secondo me, almeno io farei così, dovresti entrare anche in contatto con gente che parla la LIS, iniziare a studiarla anche tu magari (e tuo marito) e insegnarla a Davide. Mal che vada avete conosciuto qualcosa di nuovo, mal che vada in futuro, se a Davide non servirà, nessuno lo obbligherà ad usarla, avrà solo una conoscenza in più, da un diverso punto di vista, relativamente alla sordità, ma se per caso invece gli servirà, allora ce l'avrà già pronta!


Però questo è un mio parere, ovviamente, tu sai meglio di me quel che è più giusto per Davide e magari anche quali sono le vostre possibilità tempistiche, lavorative, economiche per affrontare questa cosa. Quel che voglio dire è che, ovviamente prima di fare una cosa si calcolano bene costi e benefici e si fa un bilancio. Io essendo entrata in contatto con la realtà dei sordi segnanti, se domani 24 Novembre, rimanessi incinta e aspettassi un bambino sordo, vorrei che entrasse in contatto con la LIS (oltre che ovviamente con la logopedista, le protesi ecc ecc), perchè faccio un bilancio di costi e benefici e penso che i costi, le fatiche e gli sbattimenti varrebbero la pena per questa cosa che io personalmente ho conosciuto e che ritengo possa essere utile tanto quanto la protesi.

Quello che io voglio dire è di conoscere questa realtà prima di escluderla. Non solo conoscerla "teoricamente", su libri, su internet, o "per sentito dire" ma "in vivo". Persone sorde "segnanti" di diverse generazione, di diversi luoghi con diverse idee e con diversi vissuti. Conoscerle chiedergli "perchè segni? perchè hai imparato la LIS? perchè non hai parlato e basta? perchè non hai scelto l'impianto e e basta? ci guadagni qualcosa? ti è utile? ecc ecc ecc"

Ecco, penso solo che una volta che si è conosciuto tutto ciò, una volta che si è sentito diverse campane dai diversi interessati "direttamente", allora si può dire "no la lis no perchè..." oppure "si, la lis si perchè..."
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
ilmoro







Età: 56
Registrato: 14/11/07 11:13
Messaggi: 36
ilmoro is offline 

Località: Lombardia

Impiego: libero professionista


MessaggioInviato: Sab Nov 24, 2007 1:16 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Tiziana.Pozzetti ha scritto:
Questo vuol dire che per te tutti quei sordi segnanti che lottano per vedersi riconosciuta la propria identità culturale (perchè tu puoi anche non essere d'accordo ma loro la vivono così), che cercano di farsi riconoscere la loro lingua, che cercano finalmente di avere "una propria identità" (poi possiamo discutere se facciano bene o no a desiderare questa identità, ma è un altro discorso) cercano di ghettizzare i sordi (e quindi paradossalmente anche loro stessi)

Non mi hai capito. Non ho detto che i sordomuti "cercano di ghettizzare i sordi (e quindi paradossalmente anche loro stessi)": sono dell'idea che non se ne rendono conto. Vivendo principalmente in una comunità ristretta di soli segnanti, si finisce inconsapevolmente con l'autoghettizzarsi per stare solo apparentemente meglio, perché si vive in una forma di isolamento sociale, ideologico e culturale all'interno della collettività intera. Limitarsi, come fanno moltissimi (per fortuna non tutti), a frequentare soprattutto solo altri sordomuti appartenenti a questa piccola società nella società, è assolutamente riduttivo sulle relazioni sociali e la crescita interiore personale. E' una fuga dalla società, per stare bene solo con chi ha il tuo stesso problema.
Le vecchie generazioni di sordomuti non hanno alcuna colpa di questo e le difendo. Ma i giovani, a mio avviso, devono sviluppare la parola: ne hanno tutti i mezzi.
Non è un caso se l'immagine del sordomuto percepita dalla maggioranza della gente comune è proprio quella di una persona isolata. Mentre invece ci sono sordi che vivono tra tutti e parlano con tutti.
Questo però presuppone la conoscenza dei codici di comunicazione comuni: dalla lingua parlata al linguaggio scritto.
Se poi si vuole evitare di interagire con la società, è un altro discorso: in tal caso, pur se lo rispetto e lo capisco, non posso giustificarlo. E di sordi ne conosco più di quanto tu possa immaginare.
Se le mie parole dell'altro post ti hanno toccata, non era mia intenzione offenderti. Ho espresso, in tono sì duro e risentito, ciò che pensavo.
Però non puoi dirmi di essere stato offensivo al pari di chi continua a usare ingiurie gratuite. In tal caso, non saresti obiettiva.
Ma per ora, su questo sorvolo. Quello che invece mi preme è l'educazione e il rispetto di tutti: anche quando si è agli opposti. Altrimenti, in caso di ingiurie dirette e continuate, se difendersi a parole non basta più, si fa ricorso ad altre sedi.
Bye bye.

NB:
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
ilmoro







Età: 56
Registrato: 14/11/07 11:13
Messaggi: 36
ilmoro is offline 

Località: Lombardia

Impiego: libero professionista


MessaggioInviato: Sab Nov 24, 2007 1:47 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

labionda ha scritto:
se Davide vorrà imparare la lis in futuro, certo non glielo impedirò

Ciao, ti auguro che tuo figlio riesca a vivere felice in mezzo a tutti i bambini, senza isolarsi e sviluppando giorno dopo giorno le sue capacità linguistiche. Se la sordità è una brutta compagna, oggi ci sono soluzioni per conviverci bene e migliorare la qualità della propria vita.
Con l'impianto cocleare vi aspetta un percorso che non è una passeggiata veloce e leggera, immagino tu lo sappia... Ci vuole molto impegno unito a pazienza.
Spero per il tuo piccolo che i risultati arrivino presto.
Buon week end.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Tiziana.Pozzetti

Admin


staff


Età: 34
Registrato: 02/09/07 15:53
Messaggi: 543
Tiziana.Pozzetti is offline 


Interessi: Neuropsicologia dell'adulto e del bambino. Disturbi dell'apprendimento in età evolutiva: del linguaggio, della lettura e dell'attenzione.
Impiego: Laureanda in psicologia, indirizzo "neuropsicologia dell'età evolutiva"


MessaggioInviato: Sab Nov 24, 2007 2:35 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

ilmoro ha scritto:

sono dell'idea che non se ne rendono conto. Vivendo principalmente in una comunità ristretta di soli segnanti, si finisce inconsapevolmente con l'autoghettizzarsi per stare solo apparentemente meglio,

allora avevo capito bene :)
L'equazione "sordo segnante=sordo ghettizzante" non l'approvo.
Anzi, la maggior parte dei sordi segnanti che conosco segnano e parlano e sono tutt'altro che isolati! Anzi molti sordi segnanti sono addirittura famosi, insegnano, hanno fatto l'università. Nella mia esperienza sono più i sordi che cercano di correre dietro alla protesi che si trovano male e vivono profondi vissuti di inadeguatezza e di inferiorità perchè si sentono "malati".
Ovviamente sono d'accordo con te sul fatto che un sordo per vivere qui oltre alla LIS debba conoscere anche l'italiano. Ma lo sono allo stesso modo in cui penso che un russo, uno svizzero, un tedesco o chiunque altro voglia vivere tra italiani debba sapere l'italiano. Altrimenti non ci si intende.

Ad ogni modo, dal mio punta di vista, io mi riferivo proprio a questa equazione "sordo segnante=sordo ghettizzante" come "offensiva", a mio parere così si sgretola, con due sole parole, tutta la fatica che queste persone stanno facendo per ritagliarsi il loro spazio, la si riduce a un azione negativa di auto-condanna.
Poi ovvio che tu sei libero di pensarla come vuoi, ma io credo che, come chi dà la protesi a suo figlio lo fa per ottenere il suo meglio, anche chi insegna la cultura dei sordi (con la LIS come lingua) cercare di dare il meglio al proprio figlio. E a mio avviso chi riesce a dare entrambi riesce a offrigli il massimo, ma questo è come la penso io.

Ad ogni modo, ricapitolando quello che hai detto, tu pensi che la protesi o l'impianto sia la cosa giusta mentre i sordi che segnano sbagliano perchè si auto-ghettizzano, è corretto, o ho capito male?
Quindi pensi che gli oralisti hanno ragione e i sostenitori della LIS hanno torto?


Citazione:
Limitarsi, come fanno moltissimi (per fortuna non tutti), a frequentare soprattutto solo altri sordomuti appartenenti a questa piccola società nella società, è assolutamente riduttivo sulle relazioni sociali e la crescita interiore personale. E' una fuga dalla società, per stare bene solo con chi ha il tuo stesso problema.

su questo sono d'accordo, l'esperienza variegata è la miglior cosa per ampliare le proprie vedute e le proprie conoscenze.



Citazione:

Non è un caso se l'immagine del sordomuto percepita dalla maggioranza della gente comune è proprio quella di una persona isolata.

io da quando conosco sordi bilingui ho abbandonato questa idea :)
Mi rimane invece l'immagine di sordi profondamente avviliti e con l'autostima sotto i piedi perchè vorrebbero parlare come il proprio compagno di banco ma non ci riescono, mi rimane l'immagine di bambini che si sentono inferiori perchè pensano di essere malati, di avere qualche cosa di meno rispetto ai compagni, bambini che vogliono imitare gli udenti perchè gli è stato insegnato che essere sordo vuol dire essere da meno in quanto manchevoli in qualcosa.
I sordi segnanti biligui che conosco (sempre con le dovute eccezioni) non vivono questi vissuti. Sono orgogliosi del loro bilinguismo, si sentono "diversi" ma non inferiori. Non percepiscono la sordità come una malattia avvilente ma come una diversità ricca di proprie cose belle. Un qualcosa in più che permette di vivere nel mondo degli udenti senza sentirsi da meno, senza autosvalutarsi all'idea che "lui riesce a fare anche questo e questo mentre io questo non riesco e l'altro non posso ecc." Perchè ho l'impressione che genitori sordi trasmettano al figlio la sensazione che essere sordi vuol dire essere diverso ma non "anormale" in senso negativo. Mentre spesso genitori che cercano a tutti costi di voler far "sentire" il proprio figlio trasmettano l'idea che sentire è giusto mentre tutto il resto è sbagliato, e non sentire vuol quindi dire "essere sbagliati".
Probabilmente stò sbagliando, ma questa è una mia sensazione derivata dalla mia esperienza che può essere ovviamente limitata, quindi non parlo in assoluto, ma nel mio piccolo angolo d'esperienza, se mi è concesso.



Citazione:

Altrimenti, in caso di ingiurie dirette e continuate, se difendersi a parole non basta più, si fa ricorso ad altre sedi.

non ho capito bene questa frase. se ti sono state fatte delle ingiurie dirette e continuate sei pregato di farmelo presente!
Per adesso mi pare che l'unico che si possa eventualmente lamentare è Franky, che per altro ha dimostrato di essere il più maturo scherzandoci sopra. Sono cmq intervenuta eliminando la parola sotto accusa, perchè mi pareva giusto nei confronti di Franky che si era precedentemente lamentato.
Per il resto, dove stanno queste giurie così gravi e continuative da richiedere l'intervento di "altre sedi"?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
ilmoro







Età: 56
Registrato: 14/11/07 11:13
Messaggi: 36
ilmoro is offline 

Località: Lombardia

Impiego: libero professionista


MessaggioInviato: Sab Nov 24, 2007 4:08 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Tiziana, ho scritto, riscritto e ribadito SORDOMUTO, non bilinguista: solo segnante!
Tiziana.Pozzetti ha scritto:
Anzi, la maggior parte dei sordi segnanti che conosco segnano e parlano e sono tutt'altro che isolati!

Infatti, ne conosco anche io.

Tiziana.Pozzetti ha scritto:
L'equazione "sordo segnante=sordo ghettizzante" non l'approvo.

L'immagine che la gente ha dei SORDOMUTI è quella. E secondo me, ha molte verità. Quindi in parte la condivido, ma non faccio di ogni erba un fascio.

Tiziana.Pozzetti ha scritto:
Poi ovvio che tu sei libero di pensarla come vuoi, ma io credo che, come chi dà la protesi a suo figlio lo fa per ottenere il suo meglio, anche chi insegna la cultura dei sordi (con la LIS come lingua) cercare di dare il meglio al proprio figlio.

Lo penso anche io. Mica ho detto che certi genitori sono in mala fede rispetto ad altri.

Tiziana.Pozzetti ha scritto:
Ad ogni modo, ricapitolando quello che hai detto, tu pensi che la protesi o l'impianto sia la cosa giusta mentre i sordi che segnano sbagliano perchè si auto-ghettizzano, è corretto, o ho capito male? Quindi pensi che gli oralisti hanno ragione e i sostenitori della LIS hanno torto?

O leggi i miei post troppo di fretta Smile oppure non so cosa pensare: ho scritto in altri post che per me non c'è una scelta giusta o sbagliata e concordo con l'oralismo e il bilinguismo, ma non con la sola lis, perché è utile solo tra sordi, quando invece nella vita di tutti i giorni si deve interagire con la gente comune, che parla e non segna.
Lo dici anche tu:
Tiziana.Pozzetti ha scritto:
l'esperienza variegata è la miglior cosa per ampliare le proprie vedute e le proprie conoscenze.

Sul promuovere oralismo o bilinguismo mi trovi d'accordo. Mentre, se tu sostenessi che la lis aiuta a integrarsi nella SOCIETA' DI TUTTI, siamo in totale disaccordo.

Tiziana.Pozzetti ha scritto:
Per il resto, dove stanno queste giurie così gravi e continuative da richiedere l'intervento di "altre sedi"?

Avevo scritto: "in caso di ingiurie dirette...".
In caso significa QUALORA fossero dirette alla mia persona. Visto la facilità con cui sono state dirette ad altri. Anche se quella che hai tolto, forse era diretta a tutti coloro che non hanno le stesse ideee di chi l'ha sparata. E su questo punto per ora non ci torno più, perché non amo la polemica chilometrica.
Buon week end, e non leggere di fretta Wink
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Tiziana.Pozzetti

Admin


staff


Età: 34
Registrato: 02/09/07 15:53
Messaggi: 543
Tiziana.Pozzetti is offline 


Interessi: Neuropsicologia dell'adulto e del bambino. Disturbi dell'apprendimento in età evolutiva: del linguaggio, della lettura e dell'attenzione.
Impiego: Laureanda in psicologia, indirizzo "neuropsicologia dell'età evolutiva"


MessaggioInviato: Sab Nov 24, 2007 5:46 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

ilmoro ha scritto:
concordo con l'oralismo e il bilinguismo, ma non con la sola lis,


Qui da noi attualmente anche io. ma non è detto che sia così anche in futuro, non è detto che sia così ovunque. Ci sono posti dove si parla solo il linguaggio dei segni, e non per questo le persone sono meno istruite di noi o più svantaggiate o comunicano peggio di noi. Dipende dalla realtà in cui sei immerso. Qui da noi oggi il parlare solo la LIS sarebbe limitativo, escluderebbe il poter entrare in contatto con alcune persone quindi non sarebbe ne utile ne auspicabile.

Ma al di là di ciò, il nostro dibattito è nato a seguito del post dove io ho detto che la lis è una lingua vera e propria ricca quanto l'italiano, lì tu mi hai risposto "Tiziana, hai scritto parole di desolante cecità, oltre che ghettizzanti". E' questa risposta che non ho proprio capito. Non ho capito tutta quella "passione" nel rispondermi a quel messaggio. Anche perchè stavo semplicemente riportando le conoscenze attuali a cui sono arrivati gli studi linguistici!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
ilmoro







Età: 56
Registrato: 14/11/07 11:13
Messaggi: 36
ilmoro is offline 

Località: Lombardia

Impiego: libero professionista


MessaggioInviato: Sab Nov 24, 2007 7:28 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Tiziana.Pozzetti ha scritto:
il nostro dibattito è nato a seguito del post dove io ho detto che la lis è una lingua vera e propria ricca quanto l'italiano, lì tu mi hai risposto "Tiziana, hai scritto parole di desolante cecità, oltre che ghettizzanti". E' questa risposta che non ho proprio capito.

Non mi riferivo alla tua frase sulla lis: so bene che questa lingua è ricca.
Mi riferivo invece alle tue parole che hanno sconcertato anche Frankie e Labionda:
Tiziana.Pozzetti ha scritto:
se la lis diventa una vera e propria lingua "ufficiale" in futuro non è obbligatorio che una persona sorda capisca correttamente l'italiano scritto. E' come dire che un russo dovrebbe capire il linguaggio italiano scritto. Non è vero.

Da quanto hai scritto emerge che un sordo non ha bisogno di imparare a leggere e scrivere l'italiano per sentirsi integrato nella società. E che, se è un bambino, non ha speranze di sviluppare il suo linguaggio. Inoltre, equipari un sordo a uno straniero: è un paragone molto infelice eh.
Sono italiano, vivo in Italia, ho amici italiani, costruisco il mio futuro in Italia, e non dovrei imparare a conoscere l'italiano scritto? Fino a "sentirmi" dire che sono come un russo in Italia? Se questo non è discriminare e ghettizzare... Abbiamo avuto in tre la stessa sensazione, ma voglio pensare che ti sei solo espressa male. Capita a tutti.
Oh certo, può anche essere che abbiamo interpretato male in tre.
Ah, una cosa: gli indispensabili studi linguistici e i presupposti metodici sarebbe opportuno integrarli anche con qualcosa di più empirico...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Tiziana.Pozzetti

Admin


staff


Età: 34
Registrato: 02/09/07 15:53
Messaggi: 543
Tiziana.Pozzetti is offline 


Interessi: Neuropsicologia dell'adulto e del bambino. Disturbi dell'apprendimento in età evolutiva: del linguaggio, della lettura e dell'attenzione.
Impiego: Laureanda in psicologia, indirizzo "neuropsicologia dell'età evolutiva"


MessaggioInviato: Sab Nov 24, 2007 8:01 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

ilmoro ha scritto:

Tiziana.Pozzetti ha scritto:
se la lis diventa una vera e propria lingua "ufficiale" in futuro non è obbligatorio che una persona sorda capisca correttamente l'italiano scritto. E' come dire che un russo dovrebbe capire il linguaggio italiano scritto. Non è vero.

Da quanto hai scritto emerge che un sordo non ha bisogno di imparare a leggere e scrivere l'italiano per sentirsi integrato nella società.


Ho capito, hai ragione, si prestava a male interpretazioni quello che ho scritto.
Penso che nella realtà attuale il sapere anche l'italiano sia importante per chi vive in italia, ma come detto sopra, lo penso non solo per i sordi ma anche per gli stranieri o per gli italiani che parlano i dialetti, avere un codice comune è importante per capirsi.
In quello che ho scritto lì ho specificato "in futuro", anche se mi rendo conto che cn futuro si può intendere anche dopodomani. In realtà io pensavo più che altro a un discorso teorico sull'evoluzione di una lingua.
Attualmente, io penso che la lis nei documenti scritti possa servire, perchè penso che il bilinguismo, da cui trae il titolo anche il mio forum, non sia un male. Anzi, permetterebbe una maggior integrazione (come penso di aver già detto infinite volte in giro per questo forum) dei sordi segnanti che sono sempre di più. Il che comporterebbe da una parte l'apprendimento della lingua parlata da parte dei sordi segnanti ma anche un apprendimento della lis dagli udenti parlanti.




Citazione:

Ah, una cosa: gli indispensabili studi linguistici e i presupposti metodici sarebbe opportuno integrarli anche con qualcosa di più empirico...


scusa? di cosa stai parlando?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
ilmoro







Età: 56
Registrato: 14/11/07 11:13
Messaggi: 36
ilmoro is offline 

Località: Lombardia

Impiego: libero professionista


MessaggioInviato: Dom Nov 25, 2007 12:59 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Niente di che, mi riferivo agli studi linguistici di cui accennavi altrove: sarebbe interessante rapportarli alle esperienze personali di ogni giorno. Una cavolata, lascia stà Smile
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> L.I.S.: Lingua Italiana dei Segni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
Pagina 3 di 4

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Un forum, due lingue. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008